Pavimento in PVC: meglio ad incastro o adesivo?

0
25
Pavimento-in-pvc

Il pavimento in PVC può essere una buona alternativa economica a quello in laminato o al classico parquet, che come ben sappiamo ha dei costi decisamente più elevati. Un tempo questo materiale veniva impiegato quasi esclusivamente nei negozi e nei locali pubblici, perchè particolarmente resistente, facile da posare e appunto economico. Oggi, grazie alle tecniche innovative, i pavimenti in pvc sono perfetti anche per le abitazioni private ma è importante scegliere la tipologia giusta. Non tutte infatti sono in grado di offrire le stesse prestazioni, specialmente per quanto riguarda l’impatto estetico.

Pavimento in PVC: le 2 tipologie principali

Le due tipologie principali di pavimenti in PVC sono quella adesiva e quella ad incastro (o a click). Le differenze tra queste due soluzioni stanno nella posa, che nel primo caso avviene semplicemente incollando le lastre o le finte piastrelle al pavimento preesistente e nel secondo caso invece è flottante e quindi ad incastro appunto.

Pavimento in PVC adesivo: pro e contro

Il pavimento in PVC adesivo è quello più semplice in assoluto, anche da posare. Non bisogna però fare l’errore di pensare che sia un gioco da ragazzi: con il fai da te spesso e volentieri si rischiano risultati decisamente poco gradevoli. Il principale problema dei pavimenti in PVC adesivi è che si possono creare delle bolle antiestetiche se non vengono posati a regola d’arte e con estrema attenzione. Per quanto riguarda invece l’impatto estetico, questa soluzione non è del tutto da scartare ma bisogna sempre valutare tutti gli aspetti. In un bagno potrebbe stare tutto sommato bene, ma in salotto o in cucina rischia di apparire poco gradevole. L’assenza di fuge infatti fa sembrare il pavimento in PVC adesivo del tutto uniforme e “plastico”.

Pavimento in PVC ad incastro (o a click)

Il pavimento in PVC ad incastro, chiamato anche a click oppure flottante è del tutto simile al laminato e consente di ottenere un effetto molto più naturale. In questo caso le varie lastre o piastrelle vanno incastrare l’una con l’altra, proprio come avviene con qualsiasi altro rivestimento flottante. Il prezzo generalmente è più elevato ma l’effetto finale del tutto migliore rispetto a quello che si può ottenere con la tipologia adesiva. Anche in questo caso la posa non è difficile e si può scegliere di mettere la nuova pavimentazione su quella già esistente, risparmiando sui lavori di rimozione.

Perchè scegliere un pavimento in PVC?

Il pavimento in PVC ha il grande vantaggio di costare poco: questo materiale infatti non è particolarmente pregiato e può essere prodotto in serie senza alcun problema. Viene spesso utilizzato nei locali pubblici perchè è molto resistente, non si graffia come la resina e consente di ottenere una grande personalizzazione.

Molti scelgono il pavimento in PVC per l’esterno, proprio perchè adatto anche ad ambienti esposti alle intemperie e particolarmente resistente. Tutti questi motivi possono spingere a scegliere questo tipo di rivestimento, ma bisogna sempre tenere presente che l’impatto estetico non è nemmeno lontanamente paragonabile a quello del parquet, e nemmeno a quello di un buon laminato.